Morì dopo un trapianto di cuore al S. Raffaele di Milano, archiviata indagine. Il Gip accoglie la richiesta del pm a cui i familiari si erano opposti

L'ingresso del padiglione D dell'ospedale San Raffaele di Milano dove Silvio Berlusconi sta trascorrendo la degenza dopo aver subito un intervento al cuore, 23 giugno 2016. ANSA / MATTEO BAZZI

Il gip di Milano Anna Calabi, ha archiviato l’indagine, a carico di 5 medici, con al centro la morte di un sessantenne cardiopatico avvenuta nel settembre 2016 all’ospedale San Camillo di Roma, dopo il trapianto di cuore prelevato a un 48enne milanese e inviato d’urgenza dal San Raffaele. Il giudice ha così accolto la richiesta del pm Francesco De Tommasi e ha respinto l’istanza di opposizione all’ archiviazione avanzata dai familiari dell’uomo.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *