Omicidio Formicola: ergastolo per il marito della donna uccisa nel 2016. I giudici d’appello Napoli confermano sentenza di primo grado

formicola

“Giustizia è fatta”: sono le parole pronunciate da Luigi Formicola e dalla moglie Adriana a chiusura del processo di secondo grado sull’omicidio della figlia Stefania che ha visto la condanna di Carmine D’Aponte, marito di Stefania, alla pena dell’ergastolo. Cosi’ hanno deciso i giudici della seconda sezione della Corte d’Assise d’Appello di Napoli che lo hanno riconosciuto colpevole di aver ucciso con un colpo di pistola al cuore la moglie all’alba del 19 ottobre del 2016 nel comune di Sant’Antimo (Napoli).
 La Corte ha accolto la richiesta del sostituto procuratore generale Edoardo Cilenti confermando così il verdetto di primo grado emesso nel febbraio dello scorso anno all’esito del giudizio abbreviato. Carmine D’Aponte e Stefania Formicola si stavano separando, quando D’Aponte contattò la 28enne chiedendole un incontro per chiarirsi. D’Aponte però si presentò all’appuntamento armato e aprì il fuoco. Gli investigatori trovarono anche un diario in cui la donna raccontava le violenze che subiva.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *