76 anni per Joe Pesci, star hollywoodiana di “Quei bravi ragazzi”, originario della provincia di Avellino

Un compleanno importante per il cinema ma anche per la regione Campania, Joe Pesci nasce a Newark, figlio di Angelo Pesci, autista di carrello elevatore per la General Motors e barista di origini torinesi, e di Maria Mesce, parrucchiera part-time, originaria di Aquilonia, provincia di Avellino [1], il giovane Joe è cresciuto a Belleville, New Jersey e ha frequentato la Belleville High School. Negli anni sessanta lavora nella sua città come barbiere.

Lanciato da Martin Scorsese in Toro scatenato (1980), dove interpreta il fratello del pugile Jack La Motta (interpretato da De Niro), è uno dei migliori caratteristi del cinema americano. Abile commediante, raggiunge il successo popolare grazie a due ruoli semicaricaturali: il contabile della mafia Leo Getz dell’action movie Arma letale II (1980) e il ladro sfortunato e pasticcione del film per bambini di grande successo Mamma, ho perso l’aereo (1990), personaggi che riproporrà nei rispettivi sequel, Arma letale III e Mamma, ho riperso l’aereo, entrambi del 1992. A riprova del suo eclettismo, Pesci vince l’Oscar come miglior attore non protagonista per il ruolo violento e drammatico di uno dei gangster di Quei bravi ragazzi (1990), nuovamente diretto dall’amico Scorsese. Fra gli altri suoi film: Mio cugino Vincenzo (1992), Occhio indiscreto (1992), Casinò (1995), Arma letale IV (1998).

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *