Napoli, detenuto nel carcere di Poggioreale ha tentato il suicidio bevendo prima del detersivo poi impiccandosi, salvato in extremis dagli agenti della penitenziaria

Nel carcere di Poggioreale un detenuto ha prima bevuto del detersivo e poi ha tentato di impiccarsi. Un gesto esasperato (come tanti altri registrati nelle carceri italiane) che per fortuna non ha portato ad una conclusione tragica, con l’uomo (43 anni) che è stato salvato in extremis. A diffondere la notizia, con un comunicato, è il segretario regionale dell’Unione Sindacati della Polizia Penitenziaria, Ciro Auricchio.

L’episodio arriva dopo «due giorni di ordinaria follia nelle carceri campane», sostiene Auricchio. Infatti, è notizia di ieri che nel penitenziario avellinese di Ariano Irpino un detenuto ha aggredito a calci e pugni un assistente della Polizia, poi colpito anche con un estintore. Ma non solo. Il “degrado” che caratterizza le patrie galere riguarda anche il raggiro delle più semplici norme di sicurezza carceraria. Ne sono l’esempio il pacco ritrovato a Carinola con dentro un watch-phone e le dosi di hashish trovate addosso ad alcuni familiari di detenuti, prima dei colloqui.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *