Le gaffe indimenticabili della storia del Festival di Sanremo

Dai problemi tecnici e di audio al saluto di Virginia Raffaele ai Casamonica, nella prima puntata del Festival di Sanremo non sono mancate le gaffe. Momenti di imbarazzo, ad esempio, per i commenti alla giacca di Claudio Bisio, un capo damascato tra il verde, l’oro e il nero. Lo stesso Bisio ha affermato: “Hanno chiesto se la mia costumista lavorasse con i Casamonica”. “Salutiamo i Casamonica!”, ha esclamato subito dopo la presentatrice. Il conduttore ha replicato con leggero imbarazzo: “Ma no!”. E Raffaele, accortasi di aver sbagliato: “Scherzavo, oddio! Adesso mi denunciano”. Ingenua la seconda “papera” di Bisio che ha introdotto il tenore italiano Andrea Bocelli tessendo le sue lodi. Peccato che il conduttore abbia fatto un cenno di saluto da lontano nei confronti del tenore, che pero’ ha perso la vista a 12 anni. Insomma, questo Festival, come da tradizione, non si e’ fatto mancare qualche momento imbarazzante, dopotutto le gaffe hanno spesso contribuito a rendere le passate edizioni memorabili. Indimenticabile e’ stata la figuraccia di Jovanotti nel 1989. Quella 39esima edizione del Festival, vinta da Anna Oxa e Fausto Leali con ‘Ti lascero”, fu la prima e unica volta in cui il cantante prese parte alla kermesse canora, e forse e’ intuibile il motivo. Mentre si esibiva in ‘Vasco’, che gli valse il quinto posto in classifica, scivolo’ sui famosi fiori di Sanremo. Il ritornello della sua canzone recitava “No Vasco, no Vasco, io non ci casco”. Nel 2003 fu la volta di Pippo Baudo che, durante un’intervista all’attrice Sharon Stone, le chiese a chi assomigliasse suo figlio. Il gelo’ calo’ nella sala dell’Ariston, ma l’attrice, senza fare una piega, rispose: “Assomiglia nel volto a me e nel corpo al papa’”. Il motivo dell’imbarazzo generale derivava dal fatto che il bambino della Stone fosse stato adottato tre anni prima.

Tre anni piu’ tardi, invece, la presentatrice del 56esimo Festival di Sanremo, Ilary Blasi, fu tradita da un raffinato abito firmato Valentino, la cui scollatura profonda fece scoprire uno dei seni della presentatrice. Incidenti legati agli abiti femminili hanno coinvolto anche Noemi, che l’anno scorso, mostro’ piu’ di quello che avrebbe voluto a causa di un de’collete’ accentuato, e Belen Rodriguez. Un abito colorato con profondi spacchi svelo’ la zona inguinale della Rodriguez, oltre al tatuaggio di una farfalla. Ancora oggi la gaffe dell’argentina resta tra i momenti piu’ chiacchierati della sua carriera. Nel 2007, anche Michelle Hunziker e’ stata vittima di una figuraccia. La conduttrice casco’ per terra nel momento in cui avrebbe dovuto introdurre Roby Facchinetti e il figlio Francesco. La svizzera scoppio’ in una fragorosa risata tra gli applausi del pubblico. Tra le gaffe piu’ memorabili c’e’ anche quella di Arisa, che mise in piedi un divertente siparietto insieme al presentatore Carlo Conti nel 2015. La cantante doveva annunciare Nina Zilli, ma dopo essersi mangiata qualche parola, si fermo’ esclamando: “Sono emozionata, non capisco un cavolo”. Subito dopo Arisa ammise di aver preso un medicinale: “Scusate, il dottore mi ha dato un anestetico”. “Come un anestetico ti avra’ dato un antidolorifico”, la incalzo’ Carlo Conti. “Beh un anestetico non e’ come un antidolorifico? Comunque lo consiglio a tutti”, rispose la cantante suscitando l’ilarita’ nel teatro e sui social. L’altra conduttrice, Emma Marrone, introdusse invece il duo dei Soliti idioti, Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli, con queste parole: “Loro sono idioti, nel senso che se lo dicono da soli. Sono famosi per le loro trasformazioni, infatti adesso dicono di essere diventati cantanti”. Quell’edizione del 2015 e’ ricordata anche per la gaffe del presentatore principale Carlo Conti, che nell’annunciare il vincitore della sezione Nuove proposte, sbaglio’ nome. Prima disse Rakele, ma poco dopo venne corretto il tiro e annunciata la vittoria di Giovanni Caccamo. (Rassegna stampa – Agi)

Condividi:
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    1
    Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *