Napoli, paga una multa da 2870 euro invece che 28,7, ora attende il rimborso ma le casse del Comune sono vuote quindi la restituzione non può partire

Doveva pagare una multa da 28,70 euro per una infrazione commessa con lo scooter, ma per errore ha versato all’amministrazione comunale di Napoli la somma di 2870 euro. Una virgola è stata “fatale” al centauro Alfredo Barbatelli che da un anno attende il rimborso della somma erroneamente corrisposta in più. Barbatelli stesso racconta il suo “calvario” burocratico al “Mattino”: “Già la multa mi aveva parecchio innervosito – racconta oggi il centauro protagonista della vicenda – Ero in piazza Vanvitelli, dove i vigili sono particolarmente intransigenti e mi elevarono un verbale perché parcheggiai lo scooter poco fuori le strisce bianche. In realtà ricordo che proprio a loro avevo chiesto se potevo parcheggiare così e per questo mi innervosii un bel po’”.

In attesa di rivedere i 2.471,30 euro pagati solo per errore, il protagonista di questa vicenda kafkiana ricorda: “Tornai in ufficio e subito pagai la multa, cosa che faccio sempre quando ricevo un giusto verbale, ma un paio di giorni dopo, andando a vedere l’estratto conto della banca, notai che era stato emesso un pagamento di 2.870 euro. Fu la mia banca a dirmi che i soldi erano stati versati sul conto corrente del Comune di Napoli per il pagamento delle Multe”. Presentato subito il modulo per il rimborso della somma, Barbatelli capisce subito che i tempi sarebbero stati lunghi. La riscossione delle multe non viene effettuata più direttamente dai vigili ma da un apposito ufficio di servizio finanziario. Non solo. A rallentare le uscite anche lo stato di salute del bilancio del Comune di Napoli: se non c’è liquidità infatti il risarcimento non scatta.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *