Categories: CAMPANIACULTURA

Acerra (NA), i carabinieri Tutela Patrimonio Culturale restituisce alla Chiesa del Santissimo Purgatorio un dipinto tagliato, trafugato nel 1991

Il 19 febbraio 2020, alle ore 18:30, ad Acerra (NA), nella Chiesa del Santissimo Purgatorio, alla presenza del Vescovo della Diocesi S.E. Mons. Antonio Di Donna, del Sindaco Raffaele Lettieri e del Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, Maggiore Giampaolo Brasili, si svolgerà la cerimonia di riconsegna – all’ufficio Beni Culturali della citata diocesi nella persona del dott. Gennaro Niola – di una parte del dipinto (la più significativa dal punto di vista iconografico) dal titolo “La Resurrezione di Cristo” di autore ignoto, asportato dalla citata Chiesa nell’anno 1991.

L’attività, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, trae spunto dalla denuncia di furto, presentata da un antiquario napoletano, di numerose opere d’arte in suo possesso e conservate all’interno del magazzino. Oltre ad accertare che la denuncia non era altro che un mezzo, messo in atto dallo stesso antiquario, per tornare in possesso di beni dallo stesso posti in commercio (nell’abitazione del denunciante sono stati rinvenute opere d’arte da lui stesso inserite in denuncia), i riscontri investigativi hanno consentito, altresì, di sequestrare numerosissime opere provenienti da 12 furti avvenuti in tutta Italia in danno di private abitazioni e di istituti di culto. Oltre alle opere di antiquariato, nel corso delle indagini, sono stati anche sequestrati oltre 4000 reperti archeologici tra monete e vasi.

Di fondamentale importanza per l’individuazione del prezioso bene è risultata la comparazione dell’immagine, con quelle contenute nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che ne ha confermato la provenienza illecita. La restituzione odierna avvalora l’importanza dell’opera di sensibilizzazione che le articolazioni di questo Comando quotidianamente compiono con i responsabili degli Uffici Diocesani, anche attraverso la divulgazione, ai Parroci, della pubblicazione “Linee Guida per la Tutela dei Beni Culturali Ecclesiastici”, realizzata da questo Comando nel 2014 unitamente alla Conferenza Episcopale Italiana: la pubblicazione, oltre a contenere consigli pratici per la difesa dei beni chiesastici da eventi predatori, diffonde e valorizza le iniziative di catalogazione e censimento dei beni che le Diocesi, con grande impegno, stanno conducendo in ordine al proprio patrimonio culturale. A conferma di tale importante attività di inventariazione l’opera in questione era altresì censita nella Banca Dati “CRBC Campania” (che individua tutte le opere della Regione Campania), con un’immagine fotografica che ha ulteriormente agevolato l’attività di riscontro.

Redazione

Recent Posts

Coronavirus: aumentano i casi a Casoria (Napoli), oggi altre 10 persone positive al tampone, salgono a 43 in totale

Prosegue negli ultimi giorni a Casoria, comune alle porte di Napoli, la crescita dei casi…

12 ore ago

Covid-19, mistero sulla reazione del virus alla bella stagione, sull’argomento tanti studi contrastanti

Sparira' con l'arrivo dell'estate? O le temperature piu' calde non avranno alcun effetto su di…

13 ore ago

Coronavirus, al Pascale di Napoli parte la sperimentazione del farmaco Avigan, l’Istituto parteciperà al trial clinico internazionale con la Cina

Il Pascale sperimenterà il farmaco Avigan. Dopo il Tocilizumab, l'Istituto dei tumori di Napoli parteciperà al trial…

13 ore ago

Emergenza coronavirus, De Luca chiede al Prefetto 300 militari per presidiare le strade, c’è ancora troppa gente in giro

L'invio urgente di altre 300 unità di appartenenti alle forze armate per rinforzare i controlli…

14 ore ago

Ariano Irpino (Avellino), morto per coronavirus l’ex assessore provinciale Lo Conte, era ricoverato all’ospedale Frangipane da alcuni giorni

Stroncato dalle complicanze del coronavirus, e' morto nel primo pomeriggio di oggi l'ex assessore provinciale…

14 ore ago