Categories: CRONACAULTIME

Napoli, condannato all’ergastolo Marco Di Lauro boss di Secondigliano, è lui il mandante dell’omicidio Romanò avvenuto nel 2005, il giovane fu ucciso per errore

La Corte di Assise Appello di Napoli ha condannato all’ergastolo il presunto reggente della camorra di Secondigliano, arrestato lo scorso marzo dopo 14 anni di latitanza. È lui il mandante dell’omicidio del giovane Attilio Romanó avvenuto il 24 gennaio del 2005, nel negozio nel quale vendeva telefonini perche’ scambiato dai sicari per il nipote del boss scissionista Rosario Pariante. In aula dopo la lettura della sentenza le lacrime della mamma della vittima uccisa senza un perché, che abbraccia il coordinamento anticamorra rappresentato dall’assessore Alessandra Clemente. Soddisfazione in Procura, al termine delle indagini dei pm Maurizio De Marco, Vincenza Marra e dell’aggiunto Giuseppe Borrelli. La difesa di Di Lauro, gli avvocati Pecoraro e Cola, hanno annunciato il ricorso in Cassazione.

Redazione

Recent Posts

Napoli, 50enne denunciato per ricettazione, e vendita di accessori con marchi contraffatti, sequestrati dagli agenti circa 900 cd e dvd

Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato in…

11 ore ago

Caserta, riduce in schiavitù una donna e la costringe a prostituirsi, cittadino albanese arrestato dalla polizia

Nella tarda serata di ieri nei pressi di Caserta, i poliziotti della Squadra Mobile della…

11 ore ago

Foggia, sale su un bus senza mascherina aggredisce e minaccia l’autista che gli aveva chiesto di indossarla

Ha aggredito verbalmente e fisicamente un autista dell'Ataf - azienda di trasporto pubblico urbano di…

12 ore ago