L’ironia di Arbore, “evitate il lanciafiamme di De Luca”. Poi l’appello ai napoletani, “non si può uscire, state attenti”

Come vivo questo momento segnato dal Coronavirus? “Sono molto preoccupato. Ho avuto la broncopolmonite a Natale, sono stato 40 giorni chiuso ma sono guarito. Ora sto benissimo ma avendo avuto quella complicazione devo stare molto attento a non uscire”. A parlare, ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, è Renzo Arbore: “Non esco per niente, sto a casa. L’ultima volta sono uscito un mese fa”. Cosa ne pensa del confronto tra la situazione che viviamo col Coronavirus e i tempi di guerra? “Non c’è paragone, la guerra è la cosa più brutta del mondo. C’era il coprifuoco, noi bambini eravamo terrorizzati. La guerra la è peggiore iattura che si possa vivere”. Poi Arbore lancia un appello, a modo suo, al popolo partenopeo sullo stare a casa. “Dico soprattutto agli amici napoletani: evitate il lanciafiamme di De Luca! Ho visto alcune immagini di Napoli, con alcuni che camminano per i vicoli come se niente fosse, una cosa che succede non solo lì, certo, ma i napoletani devono esser molto attenti, non si può uscire”.
Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.