Il riscaldamento della regione mediterranea piu’ veloce del 20% rispetto alla media mondiale

La regione mediterranea si sta riscaldando del 20% piu’ velocemente della media mondiale, quindi se non vengono applicate ulteriori misure correttive, la temperatura dovrebbe aumentare di 2,2 gradi nel 2040 ed entro il 2100 il livello del mare aumentera’ di un metro, colpendo un terzo della popolazione della zona. Queste sono alcune delle conclusioni provvisorie del primo rapporto di valutazione scientifica sul cambiamento climatico e ambientale nel Mediterraneo, presentato al “4 Forum regionale dell’Unione per il Mediterraneo”, che mira a sviluppare e attuare politiche efficaci basate su dati scientifici. Il segretario generale dell’Unione per il Mediterraneo (UpM), Nasser Kamel, ha messo in guardia contro le “calamita’” che possono causare cambiamenti climatici e che potrebbero incidere “sulla stabilita’ e la prosperita’ della nostra regione”. L’aumento delle temperature, l’innalzamento del livello del mare, la scarsita’ d’acqua, l’estinzione di specie marine, la riduzione dei raccolti e della pesca e del bestiame, gli incendi su larga scala, l’aumento della siccita’ e delle ondate di calore e i conflitti per le scarse risorse sono alcune delle conseguenze che i cambiamenti climatici possono avere nella regione, secondo il rapporto presentato.

Il vicedirettore generale della Commissione europea, Maciej Popowski, ha assicurato che la lotta contro il cambiamento climatico e’ una delle priorita’ delle istituzioni comunitarie: “E’ giunto il momento di agire”. La relazione e’ stata presentata dal coordinatore della rete di scienziati del MedECC che ha condotto lo studio, Wolfgang Cramer, e dall’autore principale, Semia Cherif, che nel loro lavoro hanno sintetizzato i numerosi studi scientifici esistenti per offrire tutte le conoscenze disponibili fino ad oggi sulla situazione nella regione. Cherif ha sottolineato gli effetti del cambiamento climatico sull’acqua e sul cibo, ricordando che l’innalzamento di un metro del livello del Mediterraneo avrebbe colpito quasi 200 milioni di persone nel 2100 e messo in pericolo i loro mezzi di sussistenza. Secondo il rapporto, un’alta concentrazione di gas serra potrebbe portare ad un aumento della temperatura ancora piu’ elevato, che nel 2100 raggiungerebbe i 5 gradi. Lo scienziato ha sottolineato che “ogni grado e’ importante” e ha ricordato che, come negli esseri umani, l’aumento della temperatura, per quanto piccolo possa sembrare, ha implicazioni importanti. In questo senso, ha sottolineato che per ogni grado di aumento della temperatura del mare, i pesci riducono le loro dimensioni del 20-30%, cosicche’ entro il 2050 il peso corporeo medio dei pesci si ridurra’ del 49%. Nel caso delle colture di grano, si stima che ogni grado riduca la produzione del 7,5%, e che entro il 2090 si sara’ ridotto del 37,5%. Cherif ha anche sottolineato i rischi di contaminazione dell’acqua potabile e ha sottolineato che entro 20 anni piu’ di 250 milioni di persone soffriranno di carenze e la disponibilita’ di acqua dolce diminuira’ fino al 15%. Cramer, da parte sua, ha fatto riferimento agli effetti sulla salute umana, gli ecosistemi e i conflitti e ha sottolineato che le inondazioni e le ondate di calore, che diventeranno piu’ frequenti, comporteranno rischi per la salute delle popolazioni vulnerabili, soprattutto negli ambienti urbani.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *