Cina, Xi Jimping festeggia i 70 anni della Repubblica: “Nessuna forza potrà mai scuotere lo status della Cina o fermare il popolo e la nazione cinese nella loro marcia in avanti”

 Si e’ conclusa la parata militare nel centro di Pechino – la piu’ grande mai tenutasi nella capitale cinese – per celebrare i settanta anni dalla fondazione della Repubblica Popolare Cinese. Quindicimila soldati, 580 sistemi d’armi e 160 tipi di aerei militari hanno salutato l’anniversario. Al termine della parata militare, e’ cominciata quella civile, con centomila persone che hanno sfilato in piazza Tiananmen, portando settanta tra statue e ritratti dei simboli della nazione e dei suoi leader. Le quasi tre ore di evento si sono concluse con la liberazione di centinaia di uccelli tra piccioni e colombe. Il numero 70 ha avuto un ruolo di primo piano: l’avvio dell’evento era stato salutato da settanta colpi di cannone e, poco dopo, una formazione di aerei militari ha composto il numero nel cielo di Pechino, poco prima del discorso del presidente cinese, Xi Jinping. 
“Nessuna forza potrà mai scuotere lo status della Cina o fermare il popolo e la nazione cinese nella loro marcia in avanti”. Così il presidente cinese Xi Jinping nel 70esimo anniversario della Fondazione della Repubblica popolare, si è rivolto alla folla riunita su Piazza Tienanmen per l’occasione delle celebrazioni. “I cinesi appartenenti a tutti i diversi gruppi etnici – ha affermato Xi – hanno ottenuto negli ultimi sette decenni attraverso sforzi concertati e una dura lotta grandi risultati che meravigliano il mondo”. Xi Jinping ha poi sottolineato la necessità di promuovere gli sforzi in direzione di una completa riunificazione del paese, promuovendo prosperità e stabilità a Hong Kong e Macao. “Nel nostro viaggio avanti, dobbiamo sostenere i principi di ‘riunificazione pacifica’ ed ‘un paese due sistemi’ e mantenere prosperità e stabilità durature a Hong Kong e Macao, promuovere lo sviluppo pacifico delle relazioni attraverso lo Stretto” (di Taiwan) “unire tutte le figlie ed i figli cinesi e continuare a tendere verso la completa riunificazione della madre patria”.
Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *