Avrebbe compiuto 99 anni una delle “penne” ma anche voce e volto di gran fama televisiva. Enzo Biagi, un professionista entrato a far parte della storia del giornalismo italiano

Enzo Biagi

Il grande giornalista italiano è nato il 9 agosto 1920 a Lizzano in Belvedere, un paesino dell’Appennino tosco-emiliano in provincia di Bologna. Avrebbe, quindi, compiuto oggi 99 anni. Di umili origini, il padre lavorava come aiuto magazziniere di uno zuccherificio, mentre la madre era una semplice casalinga. Dotato di un talento innato per la scrittura, fin da bambino si dimostra particolarmente versato per le materie letterarie. Le cronache riportano anche un suo celebre “exploit”, quando cioè un suo tema particolarmente riuscito venne addirittura segnalato al Pontefice.

Allo scoccare del diciottesimo anno di età, diventato maggiorenne, si dà al giornalismo, senza per questo abbandonare gli studi. Intraprende i primi passi della carriera lavorando in particolare come cronista al Resto del Carlino e, a soli, ventuno anni diventa professionista. Quella, infatti, era l’età minima per entrare nell’albo professionale. Come si vede, insomma, Biagi era uso bruciare tutte le tappe. Nel frattempo, in tutta Europa cova il germe della guerra che, una volta innescato, inevitabilmente avrà delle ripercussioni anche nella vita del giovane ed intraprendente giornalista.
Allo scoppio della secondo conflitto mondiale, infatti, è richiamato alle armi e, dopo l’8 settembre del 1943, per non aderire alla Repubblica di Salò, varca la linea del fronte aggregandosi ai gruppi partigiani operanti sul fronte dell’Appennino. Il 21 aprile 1945 entra in Bologna con le truppe alleate e annuncia dai microfoni del Pwb la fine della guerra.

Il dopoguerra a Bologna è per Biagi un periodo di numerose iniziative: fonda un settimanale, “Cronache” e un quotidiano “Cronache sera”. Da questo momento, prende avvio in modo definitivo la grande carriera di quello che diverrà uno dei giornalisti italiani più amati di sempre. Nuovamente assunto al Resto del Carlino (in quegli anni Giornale dell’Emilia), nel ruolo di inviato e di critico cinematografico, rimarrà negli annali per delle memorabili cronache sulle inondazioni del Polesine.

Un primo incarico davvero prestigioso lo ottiene negli anni che vanno dal 1952 al 1960 dove, trasferitosi a Milano, dirige il settimanale “Epoca”. Fin da subito, inoltre, intrattiene un rapporto molto stretto con il mezzo televisivo, strumento mediatico che ha contributo non poco ad estendere la sua popolarità e a farlo amare anche dai ceti meno colti e letterati.

Il suo ingresso in Rai è datato 1961 e si è protratto in pratica fino ai nostri giorni. Bisogna sottolineare che Biagi ha sempre espresso parole di gratitudine e di affetto nei confronti di questa azienda alla quale, indubbiamente, ha anche dato tanto. Nel corso della sua presenza nei corridoi di viale Mazzini, è riuscito a diventare direttore del Telegiornale mentre, nel 1962 fondò il primo rotocalco televisivo “RT”. Inoltre, nel 1969 diede vita ad un programma tagliato su misura per lui e per le sue capacità, il celebre “Dicono di lei”, basato su interviste a personaggi famosi, una sua specialità.

Sono anni di intenso lavoro e di soddisfazioni non da poco. Biagi è richiestissimo e la sua firma, poco a poco, compare su La Stampa (di cui è inviato per una decina d’anni), la Repubblica, il Corriere della sera e Panorama. Non contento, dà avvio ad un’attività di scrittore mai più interrotta e che lo ha visto immancabilmente in testa alle classifiche di vendita. Si può tranquillamente affermare, infatti, che il giornalista abbia venduto nel corso degli anni qualche milione di libri.

Anche la presenza televisiva, come detto, è costante. Le principali trasmissioni televisive condotte e ideate da Biagi sono “Proibito”, inchiesta di attualità sui fatti della settimana e due grandi cicli di inchieste internazionali, “Douce France” (1978) e “Made in England” (1980). A queste si aggiungano una quantità notevole di servizi sul traffico d’armi, la mafia ed altri temi di stretta attualità della società italiana. Ideatore e conduttore del primo ciclo di “Film dossier” (datato 1982), e di “Questo secolo: 1943 e dintorni”, nel 1983, ha conquistando il pubblico anche con numerose altre trasmissioni: “1935 e dintorni”, “Terza B”, “Facciamo l’appello (1971)”, “Linea diretta (1985, settantasei puntate)”; nel 1986 presenta le quindici puntate del settimanale giornalistico “Spot” e, negli anni ’87 e ’88, “Il caso” (rispettivamente undici e diciotto puntate), nell’89 è ancora alle prese con “Linea diretta”, seguita in autunno da “Terre lontane (sette film e sette realtà)” e “Terre vicine”, incentrate sui mutamenti dei paesi ex comunisti dell’Est.

Dal 1991 ad oggi Biagi ha realizzato con la Rai un programma televisivo all’anno. Di questi si possono enumerare “I dieci comandamenti all’italiana” (1991), “Una storia” (1992), “Tocca a noi”, “La lunga marcia di Mao” (sei puntate sulla Cina), “Processo al processo su tangentopoli”, e “Le inchieste di Enzo Biagi”.

Nel 1995 dà vita a “Il Fatto”, programma giornaliero di cinque minuti su avvenimenti e personaggi italiani, che viene ripreso in tutte le stagioni successive, sempre con altissime percentuali di ascolto. Nel 1998 presenta due nuovi programmi, “Fratelli d’Italia” e “Cara Italia”, mentre nel luglio 2000 è la volta di “Signore e Signore”. Del 2001 è invece “Giro del mondo”, un viaggio tra arte e letteratura: otto puntate con alcuni tra i grandi scrittori del Novecento. Dopo settecento puntate de “Il Fatto”, Biagi è stato al centro di aspre polemiche a causa di una sua presunta faziosità negativa nei confronti dell’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il quale ha espressamente rimproverato il giornalista di non essere equanime. Il Consiglio di Amministrazione della Rai, pur non avallando ufficialmente queste critiche, ha ad ogni modo modificato l’originaria e prestigiosa collocazione oraria del programma (posto poco dopo la fine del telegiornale della sera) il quale, in seguito alle proteste dello stesso Biagi, difficilmente vedrà ancora la luce.

Dopo cinque anni di silenzio torna in tv nella primavera del 2007 con il programma “RT – Rotocalco Televisivo”. A causa di problemi cardiaci Enzo Biagi è scomparso a Milano il 6 novembre 2007. Nel corso della sua lunghissima carriera ha pubblicato oltre ottanta libri.

(FONTE: www.biografieonline.it)

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *