Appello del papà di Diana al popolo delle Universiadi alla ricerca di un donatore di midollo per la piccola affetta da una rara malattia. Sabato a Napoli un gazebo per il test: “Non abbiate paura per il trapianto”

Un appello al popolo delle Universiadi – atleti, volontari e accompagnatori – che in questi giorni si trova a Napoli arriva da parte di Michele, il papà della piccola Diana, di 6 anni, alla ricerca disperata di un donatore di midollo. “Sabato davanti allo stadio San Paolo e nei pressi del quartier generale dell’Universiade Napoli 2019, per mia figlia e per altri bambini con malattie rare – dice Michele – verranno allestiti dei gazebo per il prelievo dei tamponi salivali. Mi rivolgo ai napoletani che in altre circostanze hanno dimostrato la loro solidarietà ma soprattutto alle migliaia di giovani da tutto il mondo che sono in città per i Giochi. Sono loro i potenziali donatori”. Nell’appello raccolto dall’Ansa, Michele e Rossella, i genitori di Diana, tengono a rassicurare i potenziali donatori: “il trapianto non è doloroso e neanche invasivo. Il donatore che speriamo di trovare per noi o per altri piccoli ammalati con la stessa sindrome salverà la vita di un bambino, una vittoria da medaglia d’oro”.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

1 thought on “Appello del papà di Diana al popolo delle Universiadi alla ricerca di un donatore di midollo per la piccola affetta da una rara malattia. Sabato a Napoli un gazebo per il test: “Non abbiate paura per il trapianto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *