Palermo: ha strangolato la compagna dopo una lite e poi si è costituito alla polizia

Un cittadino tunisino ha strangolato la sua compagna, una donna italiana, e subito dopo ha chiamato la polizia per costituirsi. L’ennesimo femminicidio è avvenuto a Palermo nell’abitazione della coppia, in via Antonino Pecoraro Lombardo. Sul posto sono intervenute le pattuglie della polizia. La vittima si chiamava Elvira Bruno di 53 anni, il compagno 54enne Moncef Nailli cuoco, da diversi anni a Palermo. L’uomo ha strangolato la compagna madre di due figlie con cui viveva da tempo, al culmine di una violenta lite, scoppiata questa mattina, nell’abitazione vicino alla stazione Notarbartolo. L’omicida ha poi chiesto aiuto e lanciato l’allarme, consegnandosi ai poliziotti presentatisi sul posto e che lo hanno condotto negli uffici della Squadra mobile per l’interrogatorio.

Condividi:
  • 33
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    33
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *