Napoli, il presidente Fico in visita all’istituto di S. Giovanni a Teduccio a pochi passi dal luogo dove un uomo è stato ucciso in un agguato di camorra

“Dobbiamo provare a invertire la rotta totalmente, qui non serve qualcosa di emergenziale, serve una programmazione che sia stabile e costante”. E’ il messaggio che il presidente della Camera Roberto Fico lancia a Napoli, dall’istituto Vittorino da Feltre, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, istituto a pochi passi dal quale quasi una settimana fa un uomo e’ stato ucciso in un agguato davanti al nipotino di 4 anni. “Fa venire rabbia e paura, purtroppo nella nostra citta’ sappiamo che accadono queste cose terribili”, aggiunge Fico dopo aver incontrato la preside, alla quale testimonia la vicinanza dello Stato. “Voi fate un lavoro eccezionale – spiega il presidente della Camera – ma dobbiamo essere tutti insieme come Stato a sviluppare un lavoro ancora piu’ forte, per esservi vicini e comprendere come possiamo agire sempre meglio”. “La zona deve essere presidiata e presidio non significa militarizzazione”, aggiunge il presidente della Camera. “Ci vuole la presenza dello Stato – conclude Fico – non e’ possibile che ci siano poche o zero volanti, serve che ci siano i vigili urbani, la polizia e i carabinieri”.

 

Condividi:
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
    4
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *