Ricerca su epatocarcinoma, un team di medici dell’Istituto Pascale di Napoli in Brasile

Il Pascale sbarca in Brasile. In due giorni di tavole rotonde, riunioni e convegni, un team di medici e ricercatori dell’Istituto dei tumori di Napoli, rappresentato da Franco Ionna, Michelino de Laurentiis, Luigi e Franco Buonaguro e da Paolo Muto, e’ stato ricevuto dai massimi esponenti dell’Istituto Oncologico dell’Universita’ di San Paolo e degli ospedali privati ‘9 di Luglio’ e ‘Santa Caterina’. Alla base del viaggio, l’avvio di un progetto di ricerca condotto dalla Federazione Italiana Fegato, di cui il Pascale e’ partner scientifico, per valutare fattori e biomarkers di progressione da cirrosi a epatocarcinoma, nonche’ uno scambio di know how relativo ai successi delle equipe partenopee nella chirurgia robotica dei tumori testa/collo e sulle terapie innovative nel tumore della mammella.

Avviate le procedure per un accordo quadro tra il polo oncologico brasiliano e quello partenopeo che nei prossimi mesi sara’ sottoscritto dal rettore dell’Universita brasiliana e dal direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi. “Questo incontro – sottolinea Bianchi – rientra nella strategia di internazionalizzazione del nostro Istituto avviata ormai quasi tre anni fa e che, finora, ha aperto ai nostri ricercatori frontiere nuove come la Colombia, la Cina, la Russia, l’ Etiopia. Studio apripista dell’accordo Brasile-Napoli sara’ lo studio clinico sul vaccino terapeutico per l’epatocarcinoma sviluppato nell’ambito del progetto europeo HepaVac, coordinato da Luigi Buonaguro. Inoltre saranno avviati specifici programmi di formazione teorico-pratici sulle tematiche di punta del Pascale, dalla robotica alle terapie innovative nel tumore al seno”.

Condividi:
  • 11
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *