Fatture false, sequestrato dalle Fiamme gialle un caveau al cui interno contanti e ori per 300mila euro, otto gli indagati

I militari della Guardia di finanza di Bergamo, su ordine del gip Federica Gaudino, hanno dato esecuzione oggi a un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per un equivalente di beni del valore complessivo di circa 3 milioni di euro. Le indagini hanno preso spunto da una verifica fiscale nei confronti di una società di Chiuduno (Bergamo), amministrata dal principale indagato, un quarantenne originario di Calcinate (Bergamo). Nel corso dell’ispezione sono state rilevate anomalie contabili connesse al sistematico storno, a fine anno, di fatture emesse per la cessione di materiali metallici e ferrosi.     All’interno di una villa è stato trovato un caveau nascosto dietro una parete di legno scorrevole che conteneva contanti, orologi e gioielli per un valore complessivo di oltre 300mila euro. Rilevante anche il sequestro di tre ville, acquistate con denaro derivante dalla presunta attività illegale di falsa fatturazione. Otto le persone coinvolte a vario titolo nell’inchiesta.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *