1
OGGI: 23/10/2018 07:02:48 RETECAPRI TELECAPRI TELECAPRISPORT CAPRINEWS FIERACITTA'
1

CANALE 74
DEL DIGITALE TERRESTRE
Capriwatch, Vacanze a Capri
youtube
Facebook
twitter
RSS
1
 
CRONACA
Confiscati dalla Dia a palermo beni per 400 mln a un ex deputato regionale



10/08/2018 - Beni per un valore di oltre 400 milioni di euro. Questo il bilancio della confisca della Dia di Palermo all'ex deputato regionale Giuseppe Acanto, 58 anni, ritenuto vicino a Cosa nostra. La Direzione Investigativa Antimafia di Palermo ha dato esecuzione ad un decreto di confisca di beni, emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale di Palermo. Il provvedimento, emanato a seguito di proposta di misura di prevenzione patrimoniale formulata dal Direttore della DIA, "scaturisce dagli esiti di una complessa attività investigativa che, già in passato, aveva consentito di accertare la gestione, da parte di Acanto, della contabilità di società riconducibili alla famiglia mafiosa di Villabate (Palermo)".

"Particolarmente significative sono apparse le dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Francesco Campanella, braccio destro di Nino Mandalà - dicono gli investigatori -. Quest’ultimo, boss di Villabate di stretta “osservanza” corleonese, fra gli anni 2002 e 2004 ebbe l’incarico di gestire un periodo di latitanza dell’allora ricercato Bernardo Provenzano curandone gli aspetti logistici, assistenziali ed amministrativi legati al ricovero in una casa di cura a Marsiglia". L’attività della Dia ha permesso di accertare come Acanto, fin dagli anni ’90 "fosse socio in affari illeciti con Giovanni Sucato il cosiddetto “mago dei soldi” che, dopo aver truffato migliaia di persone (tra cui anche alcuni appartenenti a cosa nostra), sparì poi con un ingente capitale e il cui cadavere, nel 1996, fu trovato carbonizzato all’interno della propria auto".

Anche Acanto, dopo aver subito l’incendio nello studio professionale si rese irreperibile. Nel 1994, "dopo essere stato perdonato, grazie alla mediazione di elementi di spicco della famiglia di Villabate, riprese l’attività di commercialista, dedicandosi alla costituzione di società in nome e per conto degli uomini d’onore -dicono dalla Dia - In quell'ambito, riuscì a trovare interlocutori privilegiati all’interno dell’amministrazione del Comune di Villabate (in seguito sciolto per infiltrazioni mafiose) facendosi nominare Direttore del locale Mercato Ortofrutticolo e avvicinatosi all’attività politica, si occupò di sviluppare ogni operazione economica d’interesse della locale famiglia mafiosa, come la costruzione del Centro Commerciale. Candidato alle elezioni amministrative del 2001 con la lista Biancofiore, con il sostegno della cosca locale, risultò il primo dei non eletti, riuscendo poi comunque ad accedere ad un seggio all’Assemblea Regionale Siciliana". La confisca ha interessato beni mobili ed immobili, rapporti bancari, intero capitale sociale e relativi compendi aziendali, nonché quote societarie per un valore stimato di oltre 400 milioni di euro. Acanto inoltre, è stato ritenuto dal Tribunale di Palermo “socialmente pericoloso” e per questo sottoposto a sorveglianza speciale di P.S. per anni quattro a partire dal 2018. (Rassegna stampa - Fonte Adnkronos)

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA



I NOSTRI CANALI SU YOUTUBE







Pubblicità

--NOTIZIE CORRELATE

22/10/2018 - 25enne travolge e uccide un pensionato, finisce ai domiciliari con l'accusa di omicidio stradale e omissione di soccorso. Il giovane era ubriaco alla guida

22/10/2018 - Matrimoni fittizi per il permesso di soggiorno, blitz dei carabinieri a Cosenza, il provvedimento cautelare contro tre persone, altre sei indagate

22/10/2018 - Prorogata fino alle 16 del 23 ottobre l'allerta meteo della Protezione Civile in Campania, si prevedono ancora precipitazioni e temporali di forte intensità

22/10/2018 - Maltempo a Capri: disagi in varie zone dell'isola, allagamenti a Marina Grande, crollato un muro a Caterola. Il video

22/10/2018 - Maltempo, nubifragi e frane in Sicilia, scuole chiuse nell'Ennese

22/10/2018 - Fermato il buttafuori di una discoteca a Foggia per l'aggressione di un 18enne, il ragazzo sarebbe stato pestato per futili motivi

22/10/2018 - Sequestrati dalla Guardia di finanza di Nola (Napoli) beni per oltre un 1.3mln di euro ad un imprenditore operante nel commercio auto

22/10/2018 - Bomba d'acqua su Capri, 100mm in poche ore. Si tratta di uno degli episodi più violenti avvenuto sull'isola

22/10/2018 - Arrestato dai carabinieri a Napoli il figlio del boss De Luca Bossa, il giovane 19enne lo scorso agosto rapinò un ciclomotore a Corso Garibaldi

22/10/2018 - Maxi sequestro di armi e droga dei carabinieri a Castello di Cisterna (Napoli), l'arsenale composto da mitraglietta, pistole e kalashnikov inviate al Racis per essere esaminate

22/10/2018 - Napoli, pregiudicato ritenuto affiliato al clan Vigilia attivo a Soccavo gambizzato nel Rione Traiano, il 36enne raggiunto da colpi di pistola da due uomini in scooter, indagini della polizia

22/10/2018 - Gallipoli, auto finisce fuori strada, muore lo chef Alessandro Nocco

22/10/2018 - Scoperta dalla Guardia di Finanza di Avellino truffa delle false compensazioni, sottratti all’erario oltre 3 milioni di euro

22/10/2018 - Eseguite dalla Guardia di finanza di Mondragone (Caserta) tre misure cautelari nell'ambito dell'operazione anticontrabbando denominata Smoke Palace II"

22/10/2018 - Meningite, grave una bimba di nove anni ricoverata a Milano

22/10/2018 - Sono undici i morti per la tempesta tropicale "Vicente" in Messico

22/10/2018 - METEO: nubifragi e tempeste di vento al Centrosud, nel weekend tocca a Nord e Toscana

22/10/2018 - Khashoggi fatto a pezzi e trasportato fuori dalla Turchia in un borsone

22/10/2018 - Uccise la moglie a coltellate, condannato a 18 anni. Il delitto lo scorso ottobre nella abitazione della coppia ad Asti

22/10/2018 - Prima neve in Abruzzo, a Ovindoli 25 cm, imbiancati tutti i comprensori sciistici regionali

22/10/2018 - Nascondeva droga in una galleria ferroviaria della tratta Benevento-Napoli, 52enne arrestato dalla polizia. Durante una perquisizione nell'abitazione dell'uomo rinvenuto altro stupefacente

22/10/2018 - Giugliano (Napoli), imprenditore suicida perchè soffocato dai debiti, arrestati dalla polizia due estorsori, uno di loro è un ex appartenenete alle forze dell'ordine ora in congedo
 
 
SEGUICI SU TWITTER


APPROFONDIMENTO SETTIMANALE

ERUZIONE, TERREMOTO E TSUNAMI IN CAMPANIA

<MMString:LoadString id="insertbar/image" />
NOTIZIE DALL'ITALIA
1
1
 

 


 


Pubblicita'



<MMString:LoadString id="insertbar/image" />
ALTRE NOTIZIE
1
1

 


TCN - TeleCapriNews - Via Li Campi 19 - 80073 Capri (NA) - P. I. 04764940633