1
OGGI: 25/09/2018 17:57:05 RETECAPRI TELECAPRI TELECAPRISPORT CAPRINEWS FIERACITTA'
1

CANALE 74
DEL DIGITALE TERRESTRE
Capriwatch, Vacanze a Capri
youtube
Facebook
twitter
RSS
1
 
CRONACA
Allarme dei medici, in cinque anni saranno 12mila in meno tra prepensionamenti e passaggi al privato



12/07/2018 - Nei prossimi 5 anni i medici italiani del servizio pubblico potrebbero essere "in via di estinzione", tra pensionamenti di massa e fughe dal pubblico: si prevede che da qui al 2022 avremo 11.800 camici bianchi in meno, anche a causa del fatto che il 35% di loro lascia il lavoro prima dei sopraggiunti limiti di eta'. O perche' si prepensiona o per andare nel privato. Mentre in entrata uno specializzando su quattro non opta per il servizio pubblico. E' quanto emerge dal rapporto sul fabbisogno medico in Asl e ospedali elaborato dal Laboratorio Fiaso sulle politiche del personale e presentato oggi in occasione dell'Assemblea annuale della Federazione delle aziende sanitarie pubbliche. Il quadro e' desolante: in base a queste proiezioni nei prossimi anni i medici dei servizi sanitari di base si estingueranno, mentre gli igienisti si ridurranno del 93% e i patologi clinici dell'81.

Internisti, chirurghi, psichiatri, nefrologi e riabilitatori si ridurranno a loro volta di oltre la meta', anche se il maggior numero di cessazioni dal lavoro in termini assoluti si avra' tra gli anestesisti, che lasceranno in 4.715 da qui al 2025. "Le uscite anticipate dei medici dal servizio pubblico hanno varie ragioni, come la paura dell'innovazione organizzativa e tecnologica e di veder cambiare in peggio le regole del pensionamento, oppure - spiega il Presidente Fiaso, Francesco Ripa di Meana - il dimezzamento necessario dei posti di 'Primario', che ha finito per demotivare tanti medici a proseguire una carriera oramai senza piu' sbocchi". Il primo dato a saltare all'occhio e' il primato italiano di anzianita' dei nostri medici, che nel 51,5% dei casi hanno superato i 55 anni di eta', contro il 10% del Regno Unito, il 20% o poco piu' di Olanda e Spagna, mentre Francia e Germania si collocano al secondo e terzo posto ma con percentuali di medici con i capelli bianchi del 40 circa per cento. Questo perche' ai molti che hanno via via abbandonato i loro posti per sopraggiunti limiti di eta' o per altre ragioni non hanno fatto seguito che poche assunzioni a causa dei reiterati blocchi del turn over.

La proiezione nazionale dei dati del campione dice che dal 2012 al 2017 24.651 dirigenti medici hanno lasciato il servizio. Una media di circa 4.100 cessazioni l'anno. Che hanno generato il progressivo invecchiamento della popolazione medica, tant'e' che se del campione solo nel 2012 erano in 422 a spegnere le 65 candeline che spesso coincidono con la pensione, lo scorso anno la platea dei potenziali pensionandi era salita a quota 2.087. E il trend e' in costante crescita. Calcolando il coefficiente medio di cessazioni, relativo al triennio 2015-2017, le proiezioni Fiaso da qui al 2025 dicono che complessivamente 40.253 medici compiranno i 65 anni mediamente buoni per il pensionamento ma le cessazioni saranno molte di piu': 54.380. In pratica il 35% dei medici, uno su tre, lascia il servizio sanitario pubblico per motivi diversi dai sopraggiunti limiti di eta'. Dalle informazioni raccolte tra le Aziende che hanno partecipato all'indagine la prima causa e' da ricercare nei pre-pensionamenti, mentre uno su cinque avrebbe optato per il privato. Resta il fatto che se il numero dei medici sessantacinquenni rappresenta oggi il 13% del totale da qui al 2023 la percentuale e' destinata a raddoppiare, passando al 28%. Ma la soluzione del problema non sembra tanto, come da piu' parti auspicato, nell'ampliare il numero di accessi alle scuole di specializzazione.

A ben vedere infatti i giovani laureati in medicina coprono infatti gia' oggi a malapena i posti messi a disposizione per le specializzazioni se a questi si aggiungono i circa mille per la formazione dei medici di medicina generale. E abbattendo il numero chiuso nelle Facolta' di medicina bisognerebbe attendere 9-10 anni per vederne gli effetti in termini di reali disponibilita' in organico. "Posto che l'aumento dei posti disponibili nelle scuole di specializzazione non avrebbe effetti nei prossini anni e non sarebbe in ogni caso efficace per carenza di laureati in medicina da inserire, il tema e' a questo punto ragionare sul miglior utilizzo delle competenze professionali attuali", spiega Ripa di Meana, anticipando il lungo elenco di proposte avanzate da Fiaso al termine dell'indagine. Tra queste lo sviluppo dei reparti basati sull'intensita' di cura e complessita' assistenziale per la gestione di cronici e post-acuti; l'investimento in nuove figure professionali che arricchiscano il middle management come l'ingegnere gestionale o biomedico; il pieno coinvolgimento dei medici di medicina generale nel sistema di continuita' assistenziale; contratti ad hoc per i medici che prolunghino l'attivita' fino a 70 anni, prevedendo il superamento del limite contributivo di 40 anni; la definizione di una lista di attivita' che potrebbero essere svolte dal medico in formazione specialistica. (Rassegna stampa - Fonte Agi)

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA



IL NOSTRO CANALE YOUTUBE





Pubblicità

--NOTIZIE CORRELATE

25/09/2018 - Tragedia sfiorata sull’Asse Mediano Nola-Villa Literno, un tabellone cade per il forte vento sfiorando le auto, traffico in tilt

25/09/2018 - 22 centri massaggi sequestrati a Parma, nel mirino della Gdf un ampio giro di sfruttamento di donne cinesi

25/09/2018 - Inchiesta su intimidazioni al presidente del tribunale di Reggio Emilia, arrestati un prete e un commerciante

25/09/2018 - Smantellata dai carabinieri una rete spaccio in Val di Susa, 10 in carcere 2 ai domiciliari

25/09/2018 - Taxista abusivo arrestato a Milano per violenza, l'uomo ha sequestrato e abusato di una giovane dopo la discoteca

25/09/2018 - Hanno rubato autocarri e attrezzi agricoli per 100mila euro in aziende agricole in provincia di bari e Foggia, arrestati

25/09/2018 - All'Onu con la figlia, la premier neozelandese Jacinda fa la storia

25/09/2018 - Brucia il monte Serra nel pisano, fiamme verso Calci. Il sindaco ha evacuato alcune zone, anche due Canadair impegnati nello spegnimento

25/09/2018 - Operazione anticamorra dei carabinieri ad Aversa e Cesa (Caserta), eseguite quattro ordinanze nei confronti di affiliati al clan Mazzara accusati di estorsione a commercianti

25/09/2018 - Lotta alla contraffazione: sequestrati dalla Guardia di Finanza di Napoli oltre 1,3 milioni di articoli non sicuri, numerosi capi di abbigliamento contraffatti e prodotti cosmetici di note griffe nazionali ed internazionali. Denunciati 7 responsabil

25/09/2018 - Napoli: trasporto pubblico, nuovo sciopero di 24 ore dell'ANM venerdì 28. Rispettate le fasce di garanzia

25/09/2018 - Vento forte su Napoli e provincia, permane l'allerta meteo della Protezione Civile fino a mercoledì. Il mare agitato sta creando difficoltà ai collegamenti con le isole del Golfo

25/09/2018 - Scoperta dalla Fiamme Gialle a Lecce una casa di riposo abusiva per anziani, denunciato il titolare

25/09/2018 - Città della Scienza: dopo il rogo 7 milioni di debiti, lavoratori in presidio sotto la Regione "non c'è liquidità, abbiamo nuovamente 7 stipendi arretrati"

25/09/2018 - Terremoto nel Mar Ionio settentrionale, avvertito chiaramente sulla costa calabra

25/09/2018 - Operazione ad alto impatto a contrasto della criminalità organizzata nel quartiere San Giovanni a Napoli, perquisizioni e controlli da parte della polizia

25/09/2018 - Cancello ed Arnone (Caserta), denunciate due persone per maltrattamento di animali ed esercizio illegale di uccellagione

25/09/2018 - Ritrovato morto il 16enne scomparso nel modenese, ipotesi è di omicidio. Il cadavere rinvenuto in un pozzo

25/09/2018 - Servizi dei Carabinieri del CITES contro il bracconaggio a Napoli e provincia, scoperti 9 cani con la coda tagliata

25/09/2018 - Amianto e fanghi occultati a Sant'Agata e Limatola nel Sannio, due misure cautelari persone per inquinamento ambientale e discariche abusive e divieto di dimora per il rappresentante di una società

25/09/2018 - Acerra (Napoli), ditta di recupero e riciclaggio di rifiuti senza autorizzazioni,sequestrata dai carabinieri e denunciano in titolare

25/09/2018 - Pregiudicato arrestato dalla polizia a Napoli, il 32enne hanno rinvenuto nella sua abitazione cocaina e hashish

25/09/2018 - Incidente probatorio per la tragedia della Solfatara di Pozzuoli (Napoli) in cui persero la vita tre persone, in sei mesi sette "super periti" sanciranno le norme di sicurezza

25/09/2018 - Piede ingessato per il cardinale Sepe dopo la caduta a Lourdes, l'arcivescovo gode di ottima salute

25/09/2018 - Brexit e lavoro, cosa cambia per i cittadini europei

25/09/2018 - Evasione fiscale sullo yacht, Flavio Briatore indagato anche per corruzione. Ai domiciliari il suo commercialista, Arrestato anche un ex funzionario pubblico

25/09/2018 - Racket in provincia di Napoli: raffica di mitra contro saracinesche a Boscotrecase e bomba carta a Casandrino presso un complesso industriale

25/09/2018 - Prodotti non sicuri sequestrati a Lamezia dalla polizia in un esercizio commerciale, inflitta sanzione di 25mila euro al titolare

25/09/2018 - Scorpione punge una neonata, era finito nel pannolino della piccola

25/09/2018 - Ferisce con un coltello un ristoratore durante un litigio avvenuto nel locale a Ceglie Messapica, arrestato

25/09/2018 - Monteruscello (Napoli), i carabinieri arrestano i nipoti del 44enne ferito ad una gamba, erano sulla macchina dello zio con droga e pistola

25/09/2018 - Panico in volo, confonde la porta del WC con quella di uscita dell’aereo

25/09/2018 - Milionario inglese ucciso con la moglie in Thailandia, arrestato il cognato
 
 
SEGUICI SU TWITTER


APPROFONDIMENTO SETTIMANALE

ERUZIONE, TERREMOTO E TSUNAMI IN CAMPANIA

<MMString:LoadString id="insertbar/image" />
NOTIZIE DALL'ITALIA
1
1
 

 


 


Pubblicita'



<MMString:LoadString id="insertbar/image" />
ALTRE NOTIZIE
1
1

 


TCN - TeleCapriNews - Via Li Campi 19 - 80073 Capri (NA) - P. I. 04764940633