1
OGGI: 23/10/2018 11:19:56 RETECAPRI TELECAPRI TELECAPRISPORT CAPRINEWS FIERACITTA'
1

CANALE 74
DEL DIGITALE TERRESTRE
Capriwatch, Vacanze a Capri
youtube
Facebook
twitter
RSS
1
 
ATTUALITA
L'ultima verità dell'ex capitano Francesco Schettino: "Credo di essere stato la prima persona a subire l'uso improprio dei social network che può condizionare e orientare l'attenzione dell'opinione pubblica"



14/06/2018 - «Credo di essere stato la prima persona a subire l'uso improprio dei social network che può condizionare e orientare l'attenzione dell'opinione pubblica»: sono le parole di Francesco Schettino, ex comandante condannato a 16 anni di reclusione per il naufragio della Costa Concordia, contenute in un memoriale recentemente tradotto e diffuso dalla figlia Rossella. Documenti in cui il marittimo metese, attualmente detenuto nel carcere romano di Rebibbia, fornisce per l'ennesima volta la propria versione della tragedia che, il 13 gennaio 2012, costò la vita a 32 persone: «Il reato di abbandono della nave - si legge nella decina di pagine scritte prima della sentenza definitiva pronunciata dalla Cassazione - è stato utilizzato per fuorviare e ingannare l'opinione pubblica, fomentare odio e risentimento verso la mia persona e scoraggiare la serena comprensione di quanto accaduto».

Il testo firmato da Schettino e originariamente scritto in inglese, dunque, punta a smentire l'accusa più infamante mossa nei suoi confronti dalla magistratura: quella di aver abbandonato la Costa Concordia, dopo l'impatto tra quest'ultma e gli scogli, quando una parte dell'equipaggio era ancora a bordo. L'ex comandante, invece, sostiene di essere rimasto sulla nave fino alle 00.17, orario in cui lo scafo si capovolse: «La superficie al di sotto dei miei piedi diventò un muro verticale e fui costretto a scegliere se cadere in mare o indirizzare la caduta sul tetto della lancia di salvataggio». A corroborare questa tesi sono diverse circostanze. La prima? Il comandante in seconda, a breve distanza da Schettino, fu costretto a tuffarsi. In più, proprio alle 00.17 la motovedetta della Guardia di finanza incaricata di coordinare le operazioni di soccorso intimò a tutte le imbarcazioni vicine alla Costa Concordia di allontanarsi perché la nave da crociera si stava capovolgendo. Sempre a quell'ora, come risulta dalla ricostruzione offerta dai carabinieri di Grosseto, l'acqua lambiva il ponte 8 mentre i ponti 3 e 4 erano già sommersi.

Schettino, quindi, non avrebbe vigliaccamente abbandonato la nave. Anzi, sarebbe rimasto a bordo fin quando possibile e si sarebbe adoperato per disincagliare una lancia di salvataggio che, insieme ai suoi passeggeri, rischiava di rimanere schiacciata dalla fiancata della Costa Concordia. Lo dimostrerebbero le verifiche eseguite dai carabinieri, dalle quali risulta incontrovertibilmente la presenza del comandante a bordo della nave fino alle 0.17, e una serie di scatti fotografici, dai quali risulta come i bracci telescopici si fossero ormai conficcati nel tetto della scialuppa sotto la fiancata della Costa Concordia. «Invece di tuffarmi in mare e raggiungere le rocce distanti 30 metri - scrive il marittimo metese nel memoriale appena diffuso dalla figlia su Facebook - riuscii a saltare sul tetto della scialuppa e a liberarla dalla presa mortale che l'improvviso abbattimento della nave aveva generato».

Inevitabile un passaggio sulla telefonata durante la quale Gregorio De Falco, comandante della Guardia costiera di Livorno, intimò a Schettino di risalire immediatamente sulla Costa Concordia quando quest'ultima, però, era già abbondantemente inclinata. Secondo il marittimo metese, quell'ordine perentorio dimostra che «De Falco aveva ignorato tutte le informazioni ricevute e non aveva compreso nulla delle operazioni che stava coordinando»: per tornare sulla nave, infatti, «sarebbe stato necessario un elicottero». «Mentre ero al telefono, vidi spuntare un battello d'emergenza dalla poppa del relitto della Costa Concordia - prosegue Schettino - Credevo che De Falco avesse finalmente mandato qualcuno a prelevarmi per consentirmi di raggiungere la biscaggina posta sul lato emerso della nave e così tornare a bordo. Diversamente avrei dovuto nuotare per circa 300 metri, circumnavigare la Costa Concordia, con un balzo sollevarmi dall'acqua, raggiungere i primi pioli e salire sul relitto».

Di qui la conclusione: «Indipendentemente dalle incontrovertibili evidenze descritte e dalla circostanza che la nave sia rimasta abbattuta nella stessa posizione per anni - conclude Schettino - sembra sia stato veramente difficile comprendere che non ho mai abbandonato la nave. L'opinione pubblica ha cristallizzato l'immagine di un comandante che scappa e non quella di una nave che si può abbattere. La divulgazione di una telefonata di per sé inutile è stata sfruttata per condizionare l'opinione pubblica e anticipare così il fenomeno delle fake news». Sulla stessa lunghezza d'onda Rossella Schettino, da mesi impegnata in una "operazione-verità" a favore del padre: «Nel leggere il documento rinvenuto sulla scrivania di mio padre e successivamente tradotto - commenta la ragazza - trovo una sintesi di elementi, atti processuali e testimonianze rese nelle aule di tribunale che chiariscono come la vicenda del presunto abbandono della nave, così come è stata descritta e raccontata, non corrisponda al vero». (FONTE: IL MATTINO)

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA



I NOSTRI CANALI SU YOUTUBE







Pubblicità

--NOTIZIE CORRELATE

17/10/2018 - Alberto Angela cittadino onorario di Pompei, ha avuto il merito di aver proiettato luce nuova sulla città

17/10/2018 - Dal 30 ottobre al via a Napoli la decima edizione dell'evento più goloso dell'anno: Chocoland, fino al 4 novembre al Vomero una delle manifestazioni più importanti del Sud Italia

17/10/2018 - Conto alla rovescia per la trentacinquesima edizione della Sagra della Castagna di Salza Irpina, si comincia venerdì con un menù tipico d’eccezione

16/10/2018 - E' morto Paul Allen, il co-fondatore di Microsoft. Aveva 65 anni

15/10/2018 - Bankitalia: ad agosto cala debito pubblico, giù anche entrate

10/10/2018 - Colori pastello tossici per i bambini: sotto accusa diverse marche conosciute, ecco quali

08/10/2018 - "Tumor suppressors genes in the Cell Cycle and Cancer”: un importante seminario a Napoli ha affrontato lo studio dello sviluppo dei tumori

04/10/2018 - Tumori: Napoli capitale della ricerca, il 60% dei pazienti sconfigge la malattia. Se ne parla a Napoli in un Convegno nazionale

04/10/2018 - Torna in Campania dall'8 al 13 ottobre la settimana del benessere psicologico

04/10/2018 - Napoli ha una nuova casa editrice, nel cuore del rione Sanità nasce “Edizioni San Gennaro”

03/10/2018 - L'oncologia dal volto umano all’ospedale Monaldi di Napoli, una nuova concezione dell’accoglienza con la sala d'attesa "L'angolo del tempo"

02/10/2018 - I ricatti sessuali via web hanno raggiunto una cifra di "affari" a nove zeri. Uno studio mette in evidenza i dettagli

01/10/2018 - WhatsApp pensa a nuova funzione

26/09/2018 - Meteo pazzo e l'infuenza ne approfitta: temperature in picchiata, 120mila persone a letto

25/09/2018 - E' ufficiale, Versace diventa americana

21/09/2018 - 13enne ferito nella 'Stesa' a Napoli: il parroco di Forcella don Berselli, "Non e' più la vecchia camorra, oggi sono cani sciolti senza controllo, serve maggiore controllo del territorio'

20/09/2018 - Parte a Capri l'iniziativa "Un gelato per il basket": con l'acquisto di un cono si sosterrà la squadra di serie B femminile

19/09/2018 - Il 20 settembre l’hamburger più famoso del mondo festeggia i 50 anni e anche la Campanialo festeggia con un evento tutto solidale

18/09/2018 - Dieci anni anni fa il massacro dei sei immigrati africani a Castelvolturno per mano dei camorristi guidati da Giuseppe Setola
 
 
SEGUICI SU TWITTER


APPROFONDIMENTO SETTIMANALE

ERUZIONE, TERREMOTO E TSUNAMI IN CAMPANIA

<MMString:LoadString id="insertbar/image" />
NOTIZIE DALL'ITALIA
1
1
 

 


 


Pubblicita'



<MMString:LoadString id="insertbar/image" />
ALTRE NOTIZIE
1
1

 


TCN - TeleCapriNews - Via Li Campi 19 - 80073 Capri (NA) - P. I. 04764940633